fbpx
Bottos 1848

ROYAL PARK

QUANDO ANCHE CON LE FESTUCHE ARUNDINACEE SI RIESCE AD AVERE UN PRONTO EFFETTO

Miscela unica nel panorama italiano, Royal Park, abbina la rusticità e la facilità di manutenzione della Festuca arundinacea con la rapidità di germinazione e di accestimento del Lolium perenne.

Richiesta a gran voce ed entrata all’interno della linea Master Green, Royal Park nel corso degli anni ha aumentato la propria visibilità e i numeri di vendita in virtù delle sue peculiari caratteristiche.

Royal Park risulta così un miscuglio a duplice attitudine, adatto per la trasemina di prati inerbiti con Royal Blue o altre miscele a base di Festuca arundinacea per avere un rapido effetto, oppure anche come nuova semina per aree estensive a budget contenuto, tipo parchi, rotonde stradali, aree pubbliche, ecc.

La scelta delle cultivar inserite, rende Royal Park particolarmente robusto nei confronti del traffico e dell’usura, potendolo utilizzare anche su superfici sportive e/o zone fortemente calpestate.

Il Lolium perenne Allstarter è stato selezionato per la sua resistenza alle alte temperature e alle patologie. E’ il compagno ideale per le Festuche arundinacee, accompagnandosi in maniera perfetta in tutti quegli areali sottoposti a temperature elevate, con importanti tassi d’umidità e con periodi prolungati di siccità (fondamentalmente estiva). La sua presenza dona colore intenso alla miscela anche durante i periodi invernali nei quali la Festuca arundinacea va incontro alla normale “bronzatura” delle foglie.

La combinazione studiata delle varietà inserite permette di utilizzare per l’irrigazione di Royal Park anche acqua di bassa qualità, cariche di salinità, come per esempio le acque reflue e/o di depuratore. Ovviamente Royal Park esprime le sue caratteristiche qualitative anche in zone costiere sottoposte allo spray marino.

Il colore intenso della miscela, oltre a renderla particolarmente attrattiva, è sinonimo di una perfetta efficienza fotosintetica. Questo permette una conseguente forte produzione di radici, un controllo indiretto delle principali fisiopatie e una resistenza verso tutti gli stress, di tipo biotico ed abiotico.

Dato l’immediato accrescimento della parte aerea e dell’apparato radicale (Inferno), la colonizzazione repentina dell’area (Allstarter), Royal Park può essere seminato in ogni condizione pedoclimatica a partire dai terreni argillosi, tenaci e pesanti fino ad arrivare a substrati sabbiosi e poveri di sostanza organica. Anche per quanto concerne il pH, Royal Park riesce ad ottimizzare le risorse disponibili e a captare i microelementi anche in situazioni non idonee: può quindi spaziare da pH alcalini fino a sub-acidi.

La sua tessitura media rende tale miscela d’interesse sia per le zone continentali e sia per le aree mediterranee.

Altra caratteristica molto interessante di Royal Park è la sua possibilità di semina anche in periodi di tempo (calendario) poco favorevoli; la sua finestra di semina così si allarga verso anche la fine primavera e la fine dell’autunno (momenti notoriamente difficili per l’impianto dei tappeti erbosi).

La dose di semina è quella tradizionale delle miscele a base di Festuca arundinacea, vale a dire 40-50 g/m2. Le quantità più alte sono consigliate in semine in condizioni “difficili” (per esempio ombra) o in trasemina.

Royal Park è una nuova opportunità nel comparto delle miscele rustiche a bassi input manutentivi che arricchisce e completa la proposta Bottos per il giardiniere professionista e per l’hobbista amante del verde.